I mal di testa da emicrania sono un disturbo potenzialmente serio. Fortunatamente, in molti casi, il disturbo può essere facilmente curato o alleviato. Sono possibili due tipi di cure farmacologiche: uno acuto e uno preventivo. La maggior parte dei pazienti fa uso di un trattamento farmacologico acuto per curare la propria emicrania, combattendo il dolore quando si presenta. Questo approccio è certamente utile nel breve termine.

Le cure preventive possono ridurre notevolmente la frequenza, l’intensità e la durata degli attacchi, rendendo quindi la vostra vita nuovamente vivibile.

Se soffrite di più di un attacco di emicrania alla settimana o non riuscite a svolgere le normali attività quotidiane per più di un giorno a causa di un attacco di emicrania, potete trarre beneficio da una cura preventiva dell’emicrania.

Cura farmacologica acuta

I farmaci per il trattamento acuto tentano di diminuire o arrestare il dolore durante un attacco di emicrania. Poiché un’assunzione frequente di farmaci per trattamento acuto potrebbe scatenare più attacchi di emicrania, tale approccio potrebbe essere dannoso nel lungo periodo.

Cura preventiva dell’emicrania

Dal momento che attualmente gli studiosi hanno una migliore conoscenza dei meccanismi soggiacenti l’emicrania, ora è anche possibile affrontarla in modo preventivo, ovvero, prima che il dolore si manifesti. Quando è opportuno prendere in considerazione una cura preventiva dell’emicrania?

In base alla frequenza della vostra emicrania, ed allo stato di salute generale, il vostro medico potrà prescrivervi delle cure preventive per l’emicrania.

Il medico potrà considerare l'opportunità di una cura preventiva in queste situazioni: 


  • Necessità di farmaci sintomatici per emicranie con frequenza elevata.
  • Presenza di più attacchi di emicrania al mese che non rispondono prontamente ai farmaci sintomatici.
  • Presenza di attacchi di emicrania che interferiscono sostanzialmente con la qualità della vita e con l'attività lavorativa.
  • Controindicazioni all'assunzione di farmaci sintomatici o intolleranze.

Ogni singola terapia deve essere riconsiderata e rivalutata con regolarità. Potrebbe essere molto utile tenere un diario della propria emicrania dove registrare l’insorgenza degli attacchi.


Vedi anche: