x
 Farmacista

 Medico

 Caregiver

 Altro


  

Emicrania e trattamento comportamentale

Pubblicato da Mrdedo il 23 September 2013

La terapia cognitivo comportamentale, nell' ambito dei trattamenti dell'emicrania, dimostra di essere efficace nel 30-60% dei casi. I pazienti che si sono accostati a questo tipo di trattamento hanno mostrato importanti miglioramenti sia per la diminuzione del dolore, sia per aver riacquistato la loro vita sociale. L'errore che spesso si fa è quello di pensare che lo psicologo non creda ad una base fisica dell'emicrania: niente di più errato. Il terapeuta cognitivo-comportamentale non vuole sostituirsi al medico specializzato, ma intende lavorare in rete con gli specialisti, semplicemente mostrando come far fronte allo stress. E' un aiuto a comprendere come certi pensieri e certi comportamenti influenzino il problema dell'emicrania. La terapia con lo psicologo comportamentista aiuta a capire come sia possibile cambiare il modo in cui il corpo risponde al dolore.

Lo psicologo insieme al paziente procederà alla trasformazione delle abitudini e alla gestione delle cause dello stress, con conseguente riduzione del mal di testa / emicrania. Il trattamento può prevedere le seguenti operazioni: attività (sonno sano, attività fisica, alimentazione controllata), strategie e tecniche di rilassamento e gestione dello stress, modifica della concezione del dolore stimolando nuove capacità di gestione dello stesso.

Il trattamento comportamentale è pensato per permettere di migliorare e gestire le difficoltà nei molti settori della vita che sono stati influenzati negativamente dall'emicrania. Alla terapia comportamentale può accostarsi chiunque ne abbia il desiderio ed in particolar modo quei soggetti che riconoscono delle concause legate all'emicrania. Può trattarsi di cause conosciute o latenti: disturbo del sonno, emicrania come risposta ad abusi e violenze, emicrania e abuso di farmaci. E' possibile reperire i contatti di uno psicologo cognitivo comportamentale chiedendo al proprio medico o rivolgendosi agli uffici competenti del servizio sanitario locale.

Fonte:http://www.achenet.org/resources/behavioral_treatment_of_headache_and_migraine_patients__making_referrals/